Gli oli essenziali si possono ingerire?

gli oli essenziali si possono ingerire

Quando parlo degli oli essenziali dōTERRA e dico che questi possono essere ingeriti tante persone rimangono sorprese.
Per questo motivo ho deciso di scrivere un articolo con informazioni precise circa la loro assunzione e il loro dosaggio.

Premessa

Quando parlo di oli essenziali ad uso alimentare mi riferisco ESCLUSIVAMENTE agli oli essenziali dōTERRA.
Questo perchè ho la certezza che sono 100% puri e certificati di grado terapeutico.

La maggior parte degli oli essenziali in commercio infatti non può essere ingerita.
Molto spesso ciò è dovuto al fatto che questi oli non sono puri al 100% ma contengono prodotti sintetici o, peggio ancora, metalli pesanti: sembra impossibile ma in commercio si trova davvero di tutto.

Un olio non puro al 100% NON deve assolutamente essere ingerito.
L’olio essenziale infatti ha la capacità di penetrare la membrana cellulare quindi qualsiasi cosa sia agganciata ad esso (metallo pesante, prodotto sintetico ecc) entra nel nostro corpo.
Inoltre, anche tra gli oli essenziali più puri non tutti sono ad uso alimentare.

Dopo aver fatto tanta ricerca, ho trovato gli oli dōTERRA che sono unici al mondo e con uno standard di qualità altissimo (vedi CPTG).
Oltre a essere puri al 100%, sono anche certificati di Puro Grado Terapeutico.

Molte aziende puntano molto sulla certificazione biologica dei loro oli.
Questo è senz’altro importante ma non sufficiente da un punto di vista medico.
Biologico significa che non sono stati usati fertilizzanti o pesticidi; potrebbero essere stati usati però fitoestratti di estrogeno per migliorare la crescita della pianta, il terreno potrebbe essere inquinato da metalli pesanti/sostanze radioattive o trovarsi su una falda acquifera inquinata.
Dunque, quando si acquistano gli oli essenziali è importantissimo che questi siano puri e naturali al 100% e certificati di Puro Grado Terapeutico.

Come utilizzare gli oli essenziali in modo corretto?

Gli oli essenziali sono dei rimedi naturali molto potenti e concentrati che hanno un effetto davvero rapido sul nostro organismo.
È molto importante sapere utilizzare gli oli essenziali in modo corretto e nelle giuste dosi sia perché così risulteranno davvero efficaci come rimedi naturali sia per evitare rischi di sovra dosaggio.

Le quantità riportate in tabella sono soltanto linee guida generali per aiutare tutte le persone che usano gli oli essenziali a trarne il massimo vantaggio.  Sovra dosare un olio potrebbe infatti portare a risultati indesiderati poiché le cellule dell’organismo usano metabolismi complessi per l’utilizzo e lo smaltimento degli oli essenziali.
Non è mai opportuno superare la capacità metabolica delle cellule.

Con gli oli essenziali – come dice sempre il Dott. Hill – “poco è meglio”, ovvero piccole quantità somministrate frequentemente hanno una maggiore efficacia che grandi quantità somministrate di rado.

Se uno si attiene alle dosi consigliate nella tabella sottostante il rischio di effetti collaterali è estremamente basso ed improbabile.
Per i bambini piccoli, le donne in gravidanza e le persone con una pelle sensibile si raccomanda di diluire l’olio essenziale con circa 1 cucchiaino di olio di cocco frazionato.

Quantità ideali oli essenziali

Gli oli essenziali doTERRA sono considerati tra i migliori al mondo per purezza e grado testato.
È comprensibile dunque che anche qui in Italia sempre più persone siano incuriosite da questi nuovi oli.
Se vuoi avere maggiori informazioni puoi scrivermi su Whatsapp al 340.9145286 oppure mandarmi una mail a marco@benessereingocce.com e sarò felice di rispondere a tutte le tue domande.

Se ti è piaciuto questo articolo LASCIAMI UN COMMENTO in fondo alla pagina e CONDIVIDI l’articolo sui tuoi canali social usando i pulsanti qui sotto!

Condividi su:

Cucinare con gli oli essenziali

oli essenziali in cucina

Sapevi che è possibile cucinare con gli oli essenziali dōTERRA?

Cucinare con gli oli essenziali non è solo possibile ma anche estremamente vantaggioso.
I vantaggi sono molteplici: sono comodissimi da usare, si è sicuri di avere sempre a portata di mano tutti gli aromi che servono e, soprattutto, si è certi di consumare un prodotto senza pesticidi.
Ovviamente mi riferisco esclusivamente agli oli essenziali dōTERRA sui quali ho la certezza assoluta circa la loro purezza e sicurezza (vedi perché ho scelto gli oli essenziali dōTERRA).

Gli oli essenziali esaltano il sapore aggiungendo aroma alle nostre pietanze preferite.
Donano una nota fresca e naturale di erbe e spezie ma sono più concentrati e possono essere usati tutto l’anno, rivelandosi molto utili quando gli aromi freschi non sono disponibili.
Inoltre, gli oli essenziali possono ottimamente sostituire le spezie essiccate o in polvere che, in genere, perdono la maggior parte degli oli essenziali liquidi contenuti.
Al contrario di molti estratti commerciali aromatizzanti che impiegano aromi artificiali oppure sono diluiti in alcol o in glicole propilenico, gli oli essenziali forniscono un aroma concentrato e puro, estratto naturalmente dalle piante.

Gli oli essenziali usati frequentemente per cucinare sono:

Oli essenziali in cucina

Alcuni consigli per cucinare con gli oli essenziali:

  • Gli oli essenziali possono essere estratti da diverse parti di una pianta. Gli oli degli agrumi si ottengono con la spremitura delle bucce, pertanto possono sostituire l’aroma delle scorzette ma non il succo. [su_spacer]
  • Usare la quantità esatta di gocce d’olio richiesta a volte può essere difficoltoso a causa del diverso grado di viscosità degli oli. Se si usa una bottiglietta con erogatore contagocce, versare le gocce in un cucchiaio e miscelare nella combinazione scelta per avere la sicurezza di usare la quantità giusta.[su_spacer]
  • Usare gli oli essenziali in cucina utilizzando bottigliette con il contagocce permette di controllare facilmente il numero di gocce e di avere abbastanza spazio per immergere uno stuzzicadenti nell’olio se necessario.[su_spacer]
  • Con poco si fa molto: provare inizialmente con una sola goccia di olio, assaggiare e continuare finché non si è soddisfatti del sapore. Alcuni oli sono molto intensi e uno stuzzicadenti immerso nell’olio miscelato nella combinazione potrebbe essere sufficiente.[su_spacer]
  • Usare scodelle di vetro o d’acciaio inossidabile. Cercare di evitare l’uso di utensili di cucina in plastica: gli oli essenziali, infatti, possono danneggiare alcuni tipi di materie plastiche.[su_spacer]
  • Conservare gli oli essenziali sempre lontano dalle fonti di calore, dalla luce e dall’umidità per mantenere intatte le loro proprietà.  La conservazione in frigo va bene. [su_spacer]
  • Accertarsi che le bottigliette vengano richiuse dopo l’uso per evitare che gli oli evaporino. [su_spacer]
  • Gli oli subiscono alterazioni a causa del calore e possono evaporare pertanto è meglio, se possibile, aggiungerli alla fine della cottura. [su_spacer]
  • E’ possibile aggiungere una fine nota speziata e aromatica alle pietanze nel forno preparando una bottiglietta di vetro da 120 ml con erogatore spray a grilletto. Aggiungere alcune gocce di oli essenziali  e 1/8 di tazza (circa 30 ml)  di olio di oliva nella bottiglietta spray, riempendo il resto con acqua distillata. Usare la miscela nebulizzandola su pietanze al forno come empanadas, tortilla chip, patatine al forno, fagottini o involtini primavera ecc. [su_spacer]
  • Se in cucina sono presenti dei bambini, accertarsi che gli oli rimangano lontano dalla loro portata.

Cucinare con gli oli essenziali: le quantità

Criteri per la sostituzione di oli

Bibliografia:
Modern Essentials: una guida contemporanea all’uso terapeutico degli oli essenziali

Gli oli essenziali doTERRA sono considerati tra i migliori al mondo per purezza e grado terapeutico.
È comprensibile dunque che anche qui in Italia sempre più persone siano incuriosite da questi nuovi oli.
Se vuoi avere maggiori informazioni puoi scrivermi su Whatsapp al 340.9145286 oppure mandarmi una mail a marco@benessereingocce.com e sarò felice di rispondere a tutte le tue domande.

Se ti è piaciuto questo articolo LASCIAMI UN COMMENTO in fondo alla pagina e CONDIVIDI l’articolo sui tuoi canali social usando i pulsanti qui sotto!

Condividi su: